Sothra - Infiniti modi di viaggiare

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Bari: il porto, il centro storico e San Nicola

Ideale per

Lovers - Coppia
Family - Famiglia

Guida turistica alla scoperta di Bari: il porto, il centro storico e San Nicola

 

Bari, la vivace capitale della regione Puglia nel sud Italia

Bari, situata sulla costa adriatica della regione Puglia, è una città ricca di storia, cultura e fascino. Una volta conosciuta principalmente come un importante snodo commerciale, oggi Bari attira visitatori grazie alla sua combinazione unica di tradizione e modernità. Il suo centro storico, le strade medievali tortuose e la cucina deliziosa fanno di questa città una destinazione ideale per chi vuole immergersi nella vibrante cultura del sud Italia. I visitatori possono vivere la storia attraverso i suoi antichi monumenti, assaporare i piatti locali nei ristoranti a conduzione familiare e passeggiare lungo il porto, che è ancora il cuore pulsante della città. In questa guida, ci concentreremo su tre dei punti più iconici della città: il porto, il centro storico e la Basilica di San Nicola.

 

Il Porto di Bari: L’Anima della Città

Fin dall’epoca romana, il porto ha svolto un ruolo centrale nella vita economica e sociale di Bari. L’importanza del porto è continuata attraverso i secoli, evolvendosi da snodo commerciale romano a centro nevralgico del commercio e del turismo moderno. Il porto di Bari non è solo un punto di transito per merci e persone, ma anche un luogo dove si può cogliere l’essenza della città, con la sua fusione unica di tradizione e innovazione. Qui si intrecciano storie di pescatori, mercanti e viaggiatori, offrendo un affascinante spaccato sulla storia e la vita quotidiana di Bari.

 

Storia del Porto di Bari

Il porto di Bari ha radici antiche che risalgono all’epoca romana. Allora, Bari era un punto di riferimento strategico per i commerci con la costa orientale dell’Adriatico. I romani sfruttarono la posizione privilegiata della città per stabilire un centro commerciale che servisse i loro interessi strategici e militari. Durante il Medioevo, il porto divenne un punto di riferimento essenziale per i mercanti veneziani e amalfitani, che sfruttavano la sua posizione per commerci con l’Oriente.

Nel corso dei secoli, il porto ha subito numerose trasformazioni. Con l’arrivo dei Normanni e, successivamente, degli Svevi, il porto di Bari si trasformò in una roccaforte strategica. L’espansione del porto si intensificò durante il periodo angioino e aragonese, quando Bari divenne un punto di partenza per le crociate verso la Terra Santa. Nel corso del XIX secolo, il porto subì ulteriori cambiamenti, diventando uno dei principali scali marittimi del Mediterraneo, grazie anche allo sviluppo delle infrastrutture e all’introduzione di nuove tecnologie.

 

Il Porto Vecchio

Passeggiare lungo il Porto Vecchio di Bari significa fare un salto indietro nel tempo. Qui, il mercato del pesce rappresenta una delle tradizioni più antiche della città, dove i pescatori locali vendono il loro pescato fresco ogni mattina. Tra ceste di frutti di mare e pesce appena pescato, i visitatori possono osservare i pescatori mentre puliscono, selezionano e dispongono le loro prede su banchi improvvisati. L’atmosfera è vivace, e i commercianti sono pronti a chiacchierare, raccontando storie di pesca e di mare.

Il Porto Vecchio rappresenta la tradizione marittima di Bari, un luogo dove è possibile vivere la città autentica. Oltre al mercato del pesce, qui si trovano piccoli locali e trattorie che servono piatti di mare freschi e genuini, creando un’atmosfera rilassata e accogliente per chi vuole immergersi nella vita quotidiana della città.

 

Il Porto Nuovo di Bari 

Il Porto Nuovo, conosciuto anche come il porto commerciale, rappresenta la faccia moderna di Bari. Costruito negli anni ’30 per gestire il crescente volume di merci e passeggeri, oggi il Porto Nuovo è un crocevia per il commercio internazionale, collegando la Puglia con la Grecia, i Balcani e oltre. Ogni giorno, traghetti, navi da crociera e cargo attraversano le acque del porto, trasportando passeggeri e beni da e verso destinazioni lontane.

Il porto commerciale è dotato di infrastrutture moderne che consentono di gestire un ampio volume di traffico. Non solo è un importante punto di accesso per il turismo marittimo, ma svolge anche un ruolo cruciale per le esportazioni agricole e industriali della regione. Grazie ai collegamenti con altre città europee e mediterranee, il Porto Nuovo ha un impatto significativo sull’economia di Bari e della Puglia.

 

Il porto di Bari è molto più che una semplice porta d’accesso alla città. È un simbolo dell’identità cittadina, che incarna la storia e l’evoluzione di Bari. Il Porto Vecchio e il Porto Nuovo rappresentano la dicotomia tra tradizione e modernità, offrendo ai visitatori un’esperienza completa che abbraccia sia l’anima storica che quella contemporanea della città.

 

Il Centro Storico di Bari: Un Labirinto di Storia

Il centro storico di Bari, noto come Bari Vecchia, è un luogo ricco di fascino e storia. Questo intricato labirinto di vicoli, piazzette e antiche chiese custodisce le radici della città e rivela una fusione straordinaria di epoche, culture e architetture. I visitatori che passeggiano per le sue strade possono immergersi in un’atmosfera che mescola i profumi della cucina locale, i suoni delle conversazioni degli abitanti e la bellezza dell’architettura medievale. Esplorando Bari Vecchia, si può vivere un viaggio nel passato, alla scoperta di monumenti storici come il Castello Svevo e la Cattedrale di San Sabino, che raccontano storie di epoche passate.

 

Bari Vecchia

Bari Vecchia, che occupa una penisola tra il Porto Vecchio e il Porto Nuovo, è un affascinante dedalo di stradine medievali, caratterizzate da un intricato reticolo di vicoli stretti e serpentinati. Il cuore del centro storico è animato da piazze pittoresche come Piazza Mercantile e Piazza del Ferrarese, luoghi d’incontro dove si può gustare un caffè, scambiare due chiacchiere con i locali o ammirare edifici storici come il Palazzo del Sedile e la Colonna Infame.

Lungo questi vicoli si trovano case tradizionali, molte delle quali sono ancora abitate da famiglie che tramandano usanze antiche. La gente del posto si affaccia dai balconi per chiacchierare con i vicini o prepara le orecchiette sulle porte delle proprie case, creando un’atmosfera accogliente e vibrante. L’architettura di Bari Vecchia riflette secoli di influenze culturali e racconta la storia di una città che è stata crocevia di popoli e civiltà.

Oltre agli edifici civili, la zona è ricca di chiese e basiliche di grande valore storico. Tra queste, la Basilica di San Nicola è forse la più famosa, ma ogni angolo di Bari Vecchia nasconde tesori architettonici e artistici degni di una visita.

 

Castello Svevo

Situato ai margini di Bari Vecchia, il Castello Svevo è uno dei simboli più noti della città e un monumento storico di straordinaria importanza. Originariamente costruito dai Normanni nel XII secolo, il castello fu distrutto e ricostruito durante la dominazione sveva, da cui prende il nome. Federico II di Svevia, imperatore del Sacro Romano Impero, lo fece ristrutturare e ampliare, rendendolo una delle principali fortificazioni della regione.

Il castello presenta una struttura massiccia, con alte mura difensive e torri che si stagliano verso il cielo. La sua architettura mescola elementi normanni, svevi e aragonesi, riflettendo le diverse influenze delle dominazioni che si sono succedute nel corso dei secoli. Il fossato e le mura merlate testimoniano il ruolo militare del castello, mentre all’interno è possibile ammirare dettagli architettonici di grande bellezza, come gli archi ogivali e i fregi.

Oggi, il Castello Svevo ospita mostre, eventi culturali e il Museo Archeologico di Bari, che custodisce reperti che raccontano la storia della città e della regione. Visitare il castello significa immergersi nella storia militare della regione e scoprire un gioiello architettonico che ha resistito alla prova del tempo.

 

Cattedrale di San Sabino

La Cattedrale di San Sabino, situata anch’essa nel cuore di Bari Vecchia, è un altro degli edifici religiosi più importanti della città. Costruita nel XII secolo sulle rovine di un’antica basilica paleocristiana, la cattedrale è un eccellente esempio di architettura romanica pugliese, con influenze bizantine.

L’esterno della cattedrale presenta una facciata austera ma elegante, con un grande rosone centrale e tre portali decorati con sculture raffinate. L’interno, con la sua navata centrale spaziosa e le due navate laterali, è illuminato dalla luce che filtra attraverso le finestre dell’abside e crea un’atmosfera serena e spirituale.

La cripta, che ospita le reliquie di San Sabino, è uno dei luoghi più suggestivi della cattedrale, con le sue colonne e gli archi che formano un ambiente intimo e raccolto. Inoltre, la cattedrale ospita importanti opere d’arte, tra cui affreschi, mosaici e un prezioso ciborio.

Ogni anno, durante il solstizio d’estate, il rosone della facciata proietta una luce che si allinea perfettamente con il mosaico del pavimento, creando uno spettacolo di luci straordinario che attira numerosi visitatori.

 

Il centro storico di Bari è un autentico scrigno di tesori storici, culturali e architettonici. Bari Vecchia offre uno spaccato sulla vita tradizionale della città, mentre il Castello Svevo e la Cattedrale di San Sabino rivelano storie di epoche lontane. Passeggiare tra i vicoli e le piazze del centro storico significa immergersi in un mondo ricco di fascino e storia, dove ogni angolo racconta una nuova storia.

 

Basilica di San Nicola: Il Cuore Spirituale di Bari

La Basilica di San Nicola a Bari non è solo un importante monumento storico, ma anche un simbolo di devozione e spiritualità. Situata nel cuore del centro storico, questa basilica romanica del XII secolo ospita le reliquie di San Nicola, una figura venerata sia dai cattolici che dagli ortodossi. La sua costruzione, architettura e iconografia riflettono un profondo simbolismo religioso e artistico, mentre la festa annuale in onore del santo attira migliaia di pellegrini e visitatori da tutto il mondo. Esploriamo insieme la storia, l’architettura e le tradizioni legate alla Basilica di San Nicola, per scoprire il cuore spirituale di Bari.

 

La Storia della Basilica

La storia della Basilica di San Nicola è strettamente legata a quella del santo a cui è dedicata. San Nicola, vescovo di Myra (oggi in Turchia), è noto per i suoi miracoli e per essere il protettore dei bambini, dei marinai e dei viaggiatori. Nel 1087, un gruppo di marinai baresi partì per Myra e riportò le reliquie del santo in città. Questo evento segnò l’inizio della costruzione della basilica, che doveva custodire e onorare le preziose reliquie.

La basilica fu costruita sul sito del palazzo del catapano, il governatore bizantino di Bari, ed è stata concepita come un luogo di pellegrinaggio, attraendo fedeli non solo dalla Puglia, ma anche dal resto d’Europa e dal Medio Oriente. La costruzione iniziò sotto il dominio normanno, e la chiesa fu completata nel 1100, consacrata da papa Urbano II.

Nel corso dei secoli, la basilica ha svolto un ruolo cruciale nelle relazioni tra l’Europa e l’Oriente cristiano. La presenza delle reliquie di San Nicola ha consolidato la sua importanza sia per la Chiesa cattolica che per quella ortodossa, diventando un luogo di riconciliazione tra le due tradizioni religiose.

 

Architettura e Iconografia

La Basilica di San Nicola rappresenta uno degli esempi più straordinari di architettura romanica pugliese, con influenze bizantine e orientali. La sua facciata semplice e austera, interrotta da un grande rosone e da due torri campanarie, nasconde un interno ricco di dettagli architettonici e artistici.

L’interno è caratterizzato da una pianta a croce latina con tre navate separate da colonne. La navata centrale si conclude in un’abside semicircolare, mentre le navate laterali sono scandite da archi e colonne che creano un effetto di ampiezza e profondità. Le colonne, decorate con capitelli finemente scolpiti, mostrano motivi che richiamano lo stile bizantino, mentre gli archi ogivali riflettono le influenze islamiche e orientali.

La cripta sottostante, dove sono custodite le reliquie di San Nicola, è un luogo di intensa spiritualità. È sostenuta da 26 colonne che creano un’atmosfera intima e raccolta, ideale per la preghiera e la meditazione. La cripta ospita anche l’altare maggiore, ornato da una statua in argento di San Nicola.

Un altro elemento distintivo della basilica è il suo ambone, una struttura rialzata usata per le letture liturgiche, decorata con mosaici e sculture che rappresentano scene bibliche. Gli affreschi e i mosaici della basilica offrono un esempio unico dell’arte sacra medievale, con figure di santi e simboli cristiani.

 

La Festa di San Nicola

La Festa di San Nicola, che si tiene ogni anno dal 7 al 9 maggio, è uno degli eventi religiosi più importanti di Bari e attira pellegrini e visitatori da tutto il mondo. La celebrazione commemora l’arrivo delle reliquie del santo nella città e si svolge con processioni, rievocazioni storiche, spettacoli e manifestazioni religiose.

La festa inizia con la processione della “Caravella”, una rievocazione dell’arrivo delle reliquie dal mare, durante la quale una statua del santo viene trasportata su una nave per le vie della città, tra canti e preghiere. La processione continua fino alla basilica, dove la statua viene esposta per essere venerata dai fedeli.

Il momento culminante della festa è la processione a mare. La statua di San Nicola viene posta su un peschereccio e portata in processione attraverso il porto, seguita da una flotta di barche decorate. Questa suggestiva cerimonia richiama migliaia di devoti che si riuniscono sulle banchine del porto per assistere al passaggio della statua e per pregare.

Oltre alle cerimonie religiose, la festa include spettacoli pirotecnici, concerti, fiere e mercati, creando un’atmosfera festosa che coinvolge l’intera città. La devozione verso San Nicola si riflette non solo nelle cerimonie liturgiche, ma anche nelle tradizioni popolari che arricchiscono l’evento.

 

La Basilica di San Nicola è un simbolo di devozione, storia e arte. Dalla sua costruzione nel XII secolo, la basilica ha svolto un ruolo cruciale nella spiritualità di Bari e nella riconciliazione tra Oriente e Occidente. La sua architettura romanica con influenze bizantine e le sue tradizioni iconografiche raccontano la storia di una città che è stata crocevia di culture e religioni. La festa di San Nicola è una testimonianza vivente dell’eredità del santo e della sua importanza per la comunità locale e internazionale. Visitare la Basilica di San Nicola significa immergersi nel cuore spirituale di Bari e scoprire un luogo di fede e bellezza senza tempo.

 

Gastronomia a Bari: Sapori della Puglia

La cucina di Bari è una rappresentazione autentica della sua posizione geografica e delle sue tradizioni culturali. Situata tra il mare Adriatico e le fertili pianure pugliesi, Bari ha sviluppato un ricco patrimonio culinario che unisce i prodotti della terra e del mare in piatti semplici ma straordinariamente gustosi. I piatti tipici riflettono le ricchezze del territorio e del mare, e sono spesso preparati con ingredienti freschi, stagionali e locali. Esplorare la gastronomia barese è fondamentale per immergersi nello spirito della città.

 

Piatti Tipici a Bari

Uno dei piatti più rappresentativi di Bari sono le orecchiette, una tipica pasta pugliese che prende il nome dalla sua forma che ricorda delle piccole orecchie. Le orecchiette vengono tradizionalmente preparate a mano dalle donne locali, che le dispongono su assi di legno lungo i vicoli di Bari Vecchia. Vengono solitamente servite con cime di rapa, un ortaggio dal sapore leggermente amarognolo, con un condimento semplice a base di olio d’oliva, aglio e peperoncino.

Un altro piatto iconico della cucina barese è il riso, patate e cozze. Questo piatto, simile a una paella italiana, prevede strati di riso, patate e cozze, insaporiti con aglio, cipolla, pomodoro e olio d’oliva, il tutto cotto al forno fino a formare una crosta croccante. Il risultato è un piatto che fonde sapientemente i sapori del mare e della terra.

La focaccia barese è un altro simbolo della città, caratterizzata da un impasto soffice condito con pomodori, olive e origano, spesso accompagnata da un bicchiere di vino locale. Questo pane tradizionale è gustato a tutte le ore del giorno, e può essere trovato in qualsiasi panificio della città.

I frutti di mare sono un altro pilastro della cucina barese. Polpi, cozze, vongole e gamberi vengono spesso serviti crudi, appena pescati dal mare. L’insalata di mare, con calamari e gamberi cotti a vapore e conditi con olio e limone, è un piatto fresco e leggero ideale per le giornate estive.

 

Mercati e Ristoranti

Per immergersi appieno nella cucina barese, una visita ai mercati locali è d’obbligo. Il mercato del pesce sul lungomare, vicino al Porto Vecchio, è un luogo vivace dove i pescatori vendono il loro pescato fresco ogni mattina. Qui, è possibile assaporare i frutti di mare direttamente dai banchi dei pescatori, che spesso offrono polpi e cozze crudi da gustare sul posto.

Il Mercato di Santa Scolastica è un altro luogo dove si possono trovare ingredienti freschi e locali. Questo mercato coperto offre una vasta selezione di prodotti tipici, come formaggi, salumi, verdure e olio d’oliva. È un luogo ideale per scoprire i sapori autentici della Puglia.

I ristoranti di Bari spaziano da trattorie a conduzione familiare a ristoranti più sofisticati, offrendo piatti tradizionali e rivisitazioni moderne della cucina locale. Trattorie come La Cecchina e Al Pescatore sono conosciute per i loro piatti di mare freschi, mentre ristoranti come Terranima e Le Giare offrono interpretazioni creative dei piatti tipici pugliesi.

 

Informazioni Turistiche

Sei alla ricerca di ulteriori indicazioni?
Vorresti un consulente che possa aiutarti nel costruire la migliore soluzione per il tuo viaggio?
Ti aiutiamo noi.
E lo facciamo in maniera totalmente gratuita! 

 

Consigli di Viaggio per Visitare Bari

 

Come Arrivare

Bari è ben collegata con il resto d’Italia grazie all’Aeroporto di Bari-Karol Wojtyla, che offre voli nazionali e internazionali. L’aeroporto è situato a circa 10 chilometri dal centro città, e può essere raggiunto con un breve viaggio in autobus o taxi.

La città è inoltre collegata tramite le ferrovie, con treni ad alta velocità che la collegano a Roma, Milano e altre grandi città italiane. La stazione ferroviaria centrale è situata nel quartiere Murat, vicino al centro storico.

Il porto di Bari offre numerose opzioni di traghetti verso destinazioni nel Mediterraneo, tra cui la Grecia, l’Albania e la Croazia. I traghetti partono dal Porto Nuovo, a breve distanza dal centro città.

 

Alloggio

Bari offre una vasta gamma di opzioni di alloggio per ogni esigenza. I bed and breakfast, spesso situati in edifici storici di Bari Vecchia, sono ideali per chi cerca un’esperienza autentica a prezzi accessibili. Gli hotel boutique nel quartiere Murat combinano comfort moderni con uno stile storico.

Per chi preferisce il lusso, Bari offre anche hotel a cinque stelle come il Palace Hotel e il Grande Albergo delle Nazioni, entrambi con vista sul mare. Le case vacanza sono una soluzione eccellente per famiglie o gruppi di amici che desiderano avere la libertà di cucinare e gestire i propri pasti.

 

Sicurezza e Salute

Come in ogni grande città, è consigliabile essere prudenti con i propri effetti personali, specialmente nei mercati affollati o sui mezzi pubblici. Bari è generalmente una città sicura, ma è bene tenere d’occhio i propri oggetti di valore.

Per quanto riguarda la salute, assicurati di avere un’assicurazione sanitaria in caso di emergenze mediche. Gli ospedali e le cliniche della città offrono servizi sanitari di qualità.

 

FAQ su Bari

  • Dove si trova la Basilica di San Nicola?
    La Basilica di San Nicola si trova nel cuore di Bari Vecchia, vicino al porto. È facilmente raggiungibile a piedi dalla maggior parte delle attrazioni del centro storico.
  • Quali sono i piatti tipici da provare a Bari?
    Tra i piatti tipici da provare ci sono le orecchiette con le cime di rapa, le cozze ripiene, il riso patate e cozze, e la focaccia barese. I frutti di mare crudi sono un’altra specialità locale.
  • Quanto tempo serve per visitare Bari?
    Un weekend è sufficiente per esplorare il porto, il centro storico e la Basilica di San Nicola. Tuttavia, se vuoi esplorare anche le spiagge e i dintorni della città, una settimana ti permetterà di vivere un’esperienza più completa.
  • Ci sono spiagge a Bari?
    Sì, la spiaggia cittadina più vicina è Pane e Pomodoro, facilmente raggiungibile in autobus dal centro città. Nei dintorni di Bari, ci sono molte altre spiagge come Polignano a Mare e Monopoli, ideali per una gita di un giorno.
  • Qual è il periodo migliore per visitare Bari?
    Il periodo migliore per visitare Bari è la primavera o l’autunno, quando il clima è piacevole e le folle sono meno numerose. L’estate può essere molto calda, ma le spiagge sono un rifugio ideale.
  • Bari è adatta ai bambini?
    Sì, Bari è una città accogliente e molte delle sue attrazioni sono adatte alle famiglie. I bambini potranno divertirsi esplorando il centro storico e giocando sulle spiagge locali.

 

Bari è una destinazione affascinante che unisce il fascino storico con la vitalità moderna. Dal porto vivace al centro storico intricato fino alla maestosa Basilica di San Nicola, la città offre un’esperienza indimenticabile per chiunque desideri esplorare le radici della Puglia e vivere un’autentica esperienza italiana. La cucina di Bari, con i suoi sapori ricchi e genuini, completa questa esperienza, offrendo ai visitatori un assaggio autentico della tradizione culinaria pugliese.

Vuoi organizzare il tuo viaggio?

[addtoany]

Continua a viaggiare